Tristia: Dario Del Corno

La scomparsa di Dario Del Corno

Giovedì 28 gennaio 2010 all’età di 76 anni è scomparso il prof. Dario Del Corno, figura eccellente di uomo e di studioso. Allievo di Raffaele Cantarella, gli successe sulla Cattedra di Letteratura Greca all’Università degli Studi di Milano nel 1979. Nella stessa Università ha insegnato Letteratura Teatrale della Grecia Antica. Uno dei filoni fondamentali è stato appunto il Teatro Greco: ricordiamo a questo proposito almeno il volume I narcisi di Colono. Drammaturgia del mito nella tragedia greca, Milano 1998. Nel teatro greco di Siracusa furono rappresentate diverse tragedie nella sua traduzione: i drammi euripidei Ifigenia in Aulide di Euripide (1982), Oreste (2000), Medea (2004); l’eschileo Prometeo Incatenato (2002).

 

Al suo amore per il teatro si devono anche il libretto dell’opera Outis, messo in musica da Luciano Berio (1996) e la direzione della Rivista di Studi Teatrali «Dioniso». La sua profonda conoscenza della Lingua greca egli profuse in due eccellenti opere: Antologia della Letteratura Greca, in 3 volumi (1991) e la Letteratura greca: storia e testi, in 4 volumi (2003). Di lui ricordiamo anche la collaborazione alla pagina culturale del Corriere della Sera e soprattutto al Supplemento culturale del Sole-24 ore.

 

Il Prof. Del Corno per anni ha fatto parte del Consiglio Direttivo della nostra Associazione, al quale ha intelligentemente sempre contribuito, dando un luminoso esempio di equilibrio e di modestia, non sempre seguìto.

 

La sua figura sarà ricordata in un prossimo numero della Rivista «Atene e Roma».

 

Mario Capasso

Pensieri e parole ai tempi del coronavirus, scelti da M. Capasso (II puntata):

 

"Il futuro si costruisce formando le giovani generazioni: non bastano le iniziative che pur esistono tra alcune grandi aziende e alcuni poli universitari o programmi verso i giovani che spesso vengono abbozzati in modo disarticolato, senza indirizzi. Serve un disegno che consenta di far emergere i migliori, i talenti, a qualunque ceto sociale appartengano, in qualsiasi parte d'Italia".
Stefano Cuzzilla, Corriere della Sera 29 maggio 2020.

 

"Se siamo ancora vivi, cari ragazzi e care ragazze, è solo perché siamo superficiali. C'è chi ha reagito al dolore e alla costrizione cucinando, chi coltivando salvia e basilico, chi guardando su Sky Sport le vecchie partite di repertorio. Appartengo a tutte e tre le categorie. Embé? Voi invece siete tutti sopravvissuti leggendo Kierkegaard?".
Michele Serra, la Repubblica, 29 maggio 2020.

Proroga termine per il versamento delle quote d’iscrizione

 

Consulta la notizia

In primo piano

Certamina

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Italiana di Cultura Classica, Centro di Studi Papirologici dell'Università del Salento. Complesso Studium 2000, Edificio 5, via di Valesio, 73100 Lecce - Italia - Codice fiscale: 95018950634