Iscrizione

L'iscrizione all'Associazione Italiana di Cultura Classica avviene mediante presentazione di apposita domanda indirizzata alla Presidenza di una Delegazione locale. Nella richiesta di ammissione in qualità di socio dovranno essere indicate le generalità, la categoria associativa (socio ordinario, socio sostenitore, socio benemerito, socio studente) per cui si presenta domanda e la dichiarazione di presa visione e accettazione di tutti gli articoli contenuti nello statuto dell'Associazione.

I soci ordinari e i soci sostenitori sono tenuti al versamento di una quota annua, il cui importo è stabilito dal Consiglio Direttivo. Ai soci studenti viene riconosciuto il versamento di una quota ridotta. Sono riconosciuti in qualità di soci benemeriti le persone o gli Enti che, con sovvenzioni o con altri mezzi, contribuiscano – in modo, a giudizio del Consiglio Direttivo, rilevante – al conseguimento delle finalità dell’Associazione.

I soci ricevono gratuitamente la Rassegna «Atene e Roma» e partecipano a tutte le attività dell’Associazione. Le pubblicazioni eventualmente edite a cura dell'AICC saranno disponibili a titolo gratuito per i soci sostenitori e i soci benemeriti, con sconto determinato dal Consiglio Direttivo per i soci ordinari e i soci studenti.

L’ammissione all’AICC nella qualità di Socio può essere concessa a chiunque ne sia ritenuto idoneo per moralità e capacità. La qualità di Socio può essere attribuita anche ad Enti e Associazioni.

Lettera circolare con le quote stabilite per il 2020

Circolare 2020 Segretaria Generale.pdf
Documento Adobe Acrobat [118.7 KB]

Pensieri e parole ai tempi del coronavirus, scelti da M. Capasso (II puntata):

 

"Il futuro si costruisce formando le giovani generazioni: non bastano le iniziative che pur esistono tra alcune grandi aziende e alcuni poli universitari o programmi verso i giovani che spesso vengono abbozzati in modo disarticolato, senza indirizzi. Serve un disegno che consenta di far emergere i migliori, i talenti, a qualunque ceto sociale appartengano, in qualsiasi parte d'Italia".
Stefano Cuzzilla, Corriere della Sera 29 maggio 2020.

 

"Se siamo ancora vivi, cari ragazzi e care ragazze, è solo perché siamo superficiali. C'è chi ha reagito al dolore e alla costrizione cucinando, chi coltivando salvia e basilico, chi guardando su Sky Sport le vecchie partite di repertorio. Appartengo a tutte e tre le categorie. Embé? Voi invece siete tutti sopravvissuti leggendo Kierkegaard?".
Michele Serra, la Repubblica, 29 maggio 2020.

Proroga termine per il versamento delle quote d’iscrizione

 

Consulta la notizia

In primo piano

Certamina

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Italiana di Cultura Classica, Centro di Studi Papirologici dell'Università del Salento. Complesso Studium 2000, Edificio 5, via di Valesio, 73100 Lecce - Italia - Codice fiscale: 95018950634