Ipse dixit

"sappiamo bene che proprio la difficoltà e la complessità di materie come il latino e il greco, allenano gli studenti all’apprendimento. Inoltre il valore formativo di queste materie per la costruzione del pensiero critico è altissimo. D’altra parte sappiamo che i nostri laureati sono apprezzati all’estero per la loro flessibilità cognitiva, per il loro eclettismo, per la capacità di uscire da un dominio di conoscenza: in poche parole per la loro intelligenza. La nostra scuola dunque funziona nel suo impianto di contenuti".

 

M. Pirani, Mantenere il liceo classico e innovare con il digitale

da «Repubblica» del 26/01/2015, p. 21

"Perché il latino è la lingua ideale per comunicare su Twitter".

 

I. Dionigi

«Repubblica» del 22/12/2014, pp. 48-49.

Riforma dell’esame di maturità: c’è poco da essere ottimisti

 

pubblichiamo in proposito un articolo del prof. Walter Lapini dell’Università di Genova

In primo piano

Appuntamenti

• 13.12.2018 - Verona
Concerto di Santa Lucia

 

• 14.12.2018 - Verona
Presentazione del libro di F.Butturini

 

• 16.12.2018 - Gioiosa Ionica
Convegno Pompei una scoperta continua

 

• 19.12.2018 - Milazzo
Conferenza del Dott. B.Genovesi

Certamina

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Italiana di Cultura Classica, Centro di Studi Papirologici dell'Università del Salento. Complesso Studium 2000, Edificio 5, via di Valesio, 73100 Lecce - Italia - Codice fiscale: 95018950634