Ipse dixit

"sappiamo bene che proprio la difficoltà e la complessità di materie come il latino e il greco, allenano gli studenti all’apprendimento. Inoltre il valore formativo di queste materie per la costruzione del pensiero critico è altissimo. D’altra parte sappiamo che i nostri laureati sono apprezzati all’estero per la loro flessibilità cognitiva, per il loro eclettismo, per la capacità di uscire da un dominio di conoscenza: in poche parole per la loro intelligenza. La nostra scuola dunque funziona nel suo impianto di contenuti".

 

M. Pirani, Mantenere il liceo classico e innovare con il digitale

da «Repubblica» del 26/01/2015, p. 21

"Perché il latino è la lingua ideale per comunicare su Twitter".

 

I. Dionigi

«Repubblica» del 22/12/2014, pp. 48-49.

Pensieri e parole ai tempi del coronavirus, scelti da M. Capasso (II puntata):

 

"Il futuro si costruisce formando le giovani generazioni: non bastano le iniziative che pur esistono tra alcune grandi aziende e alcuni poli universitari o programmi verso i giovani che spesso vengono abbozzati in modo disarticolato, senza indirizzi. Serve un disegno che consenta di far emergere i migliori, i talenti, a qualunque ceto sociale appartengano, in qualsiasi parte d'Italia".
Stefano Cuzzilla, Corriere della Sera 29 maggio 2020.

 

"Se siamo ancora vivi, cari ragazzi e care ragazze, è solo perché siamo superficiali. C'è chi ha reagito al dolore e alla costrizione cucinando, chi coltivando salvia e basilico, chi guardando su Sky Sport le vecchie partite di repertorio. Appartengo a tutte e tre le categorie. Embé? Voi invece siete tutti sopravvissuti leggendo Kierkegaard?".
Michele Serra, la Repubblica, 29 maggio 2020.

Proroga termine per il versamento delle quote d’iscrizione

 

Consulta la notizia

In primo piano

Certamina

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Italiana di Cultura Classica, Centro di Studi Papirologici dell'Università del Salento. Complesso Studium 2000, Edificio 5, via di Valesio, 73100 Lecce - Italia - Codice fiscale: 95018950634