Forum 22: Viva il latino

Viva il latino

Storie e bellezza di una lingua inutile

 

di Paolo Fai

 

Se il mercato editoriale sta proponendo una messe di libri che perorano la causa del latino e del greco, non è certo un caso. È infatti in corso una disputa assai vivace, nel mondo della cultura e della scuola, tra chi sostiene il ridimensionamento curricolare delle due discipline che configurano il Liceo classico italiano come un “unicum” nel panorama scolastico europeo (altrove, soprattutto nei Paesi dell’Europa del Nord, già da anni, sono subentrati corsi più generici di “civiltà classica” o “civiltà antica”) e chi invece sostiene perfino di potenziarlo.

 

A questo secondo gruppo ascriveremo senz’alcun dubbio Nicola Gardini, professore di Letteratura italiana e comparata all’Università di Oxford. È il suo recente libro che, già nel titolo, dimostra da che parte Gardini sta: «Viva il latino – Storie e bellezza di una lingua inutile», Garzanti 2016, pp. 237. E viene da immaginare un corteo di manifestanti, che innalzi cartelli e gridi quello slogan per una scuola che punti sulla vitale e “lunga durata” di una lingua, definita morta solo nella vulgata popolare. Gardini smonta il facile congegno di quella banale frase fatta, che nasce dalla pervicace convinzione che le lingue vive siano quelle fondate sull’oralità, sul commercio verbale tra parlanti. «Il latino è vivo – sostiene Gardini –, ed è più vivo di ciò che diciamo all’amico al bar o alla fidanzata mediante il cellulare – comunicazione di cui non resta alcuna traccia», perché «non basta che il parlante sia vivo perché si possa dire viva la sua lingua. Viva è la lingua che dura e che produce altra lingua, che è appunto il caso del latino».

 

Gardini non si riferisce tanto alle lingue romanze, nate dal latino parlato, quanto al latino che, «“in quanto letteratura” ha stimolato la creazione di altra letteratura». È stato infatti il latino letterario a creare la “tradizione” letteraria (non solo italiana), sicché «Dante non avrebbe mai composto la “Commedia” senza il precedente dell’“Eneide”; né Machiavelli “I discorsi sopra la prima deca di Tito Livio” senza quello della storia di Livio; né Castiglione “Il libro del cortegiano” se non avesse assunto a paradigma il “De oratore” di Cicerone». E, senza Seneca, ci sarebbero stati gli «Essais» di Montaigne e le tragedie di Shakespeare?

 

Gardini racconta con passione contagiosa la storia della lingua latina attraverso l’analisi delle forme, sempre diverse e sempre originali, che essa ha assunto nelle opere dei poeti e degli scrittori più significativi, da Ennio ad Agostino. Mentre, obbligati a vivere in un infinito presente, rischiamo la cancellazione della memoria, della cognizione del nostro passato, della nostra identità, «Viva il latino» si erge come solido antemurale contro gli attacchi che questo nostro tempo di esplosione tecnologica, in combutta coi poteri economici e politici, sferra senza posa alla funzione educativa degli studi umanistici. Che, da qualche tempo, hanno anche ‘nemici interni’, che hanno abiurato alla convinzione che «attraverso lo studio amoroso dell’antichità, il presente scopr[a] la sua stessa storicità e tent[i] di istituzionalizzarsi come resistenza alle forze disgregatrici del tempo mediante un perfezionamento morale e linguistico dell’individuo».

 

Non è allora senza significato che Gardini, nel primo capitolo, intitolato “Una casa”, scriva che il suo libro «si rivolge prima di tutto ai giovani delle scuole, ragazze e ragazzi, i quali più di chiunque cercano di trovare un senso in quello che fanno e vedono». Ma anche le persone adulte di buon senso (quello che, secondo Manzoni, «se ne sta nascosto per paura del senso comune» – erano pochi ad avere buon senso e a restare immuni dall’isteria collettiva che addossava agli “untori” la responsabilità della peste) troveranno assai utili quelle pagine per scoprire o riscoprire la “bellezza di una lingua inutile”.

 

Comunicazioni del Presidente da far circolare tra i Soci

 

Cari Presidenti, care Socie, cari Soci,


Vi scrivo per darvi una serie di comunicazioni:

 

1. Come certamente saprete, il prossimo Congresso Nazionale AICC si svolgerà il 20 e 21 ottobre 2018 a Messina, organizzato dalla locale Delegazione, presieduta da Anita Di Stefano. Esso avrà per titolo "Salvatore Quasimodo a cinquanta anni dalla morte".
2. Nei due giorni del Congresso si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo Nazionale. Il seggio elettorale, che si troverà in una sala attigua all'Aula Magna dell'Università di Messina, sede del Congresso, sarà attivo dalle 9:00 di sabato 20 ottobre alle 13:00 di domenica 21. Subito dopo comincerà lo spoglio delle schede.
3. Nelle prossime settimane ciascun Presidente riceverà un plico contenente un numero di schede elettorali di poco superiore al numero dei Soci della propria Delegazione. Il Presidente avrà cura di distribuire ai propri Soci le schede elettorali.
4. Ogni Presidente potrà raccogliere le schede votate dai propri Soci e inviarle per posta in un plico all'indirizzo della Segreteria del Congresso. Naturalmente ogni Socio può inviare la propria scheda per posta allo stesso indirizzo o consegnarla di persona al seggio elettorale. Un Socio che sia rappresentante ufficiale di una Delegazione può di persona consegnare al seggio elettorale un gruppo di schede di Soci di quella Delegazione.
5. Nel plico inviato ai Presidenti sarà contenuto materiale illustrativo del Congresso e delle modalità di voto.
6. L'Assemblea Generale si terrà domenica 21 ottobre a partire dalle ore 11:30.

 

Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento e, nella speranza di incontrarvi numerosi a Messina, Vi invio molti cordiali saluti.

 

Mario Capasso

In primo piano

Appuntamenti

• 29.09.2018 - Vittorio Veneto
Convegno Nike

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Italiana di Cultura Classica, Centro di Studi Papirologici dell'Università del Salento. Complesso Studium 2000, Edificio 5, via di Valesio, 73100 Lecce - Italia - Codice fiscale: 95018950634