Forum 22: Viva il latino

Viva il latino

Storie e bellezza di una lingua inutile

 

di Paolo Fai

 

Se il mercato editoriale sta proponendo una messe di libri che perorano la causa del latino e del greco, non è certo un caso. È infatti in corso una disputa assai vivace, nel mondo della cultura e della scuola, tra chi sostiene il ridimensionamento curricolare delle due discipline che configurano il Liceo classico italiano come un “unicum” nel panorama scolastico europeo (altrove, soprattutto nei Paesi dell’Europa del Nord, già da anni, sono subentrati corsi più generici di “civiltà classica” o “civiltà antica”) e chi invece sostiene perfino di potenziarlo.

 

A questo secondo gruppo ascriveremo senz’alcun dubbio Nicola Gardini, professore di Letteratura italiana e comparata all’Università di Oxford. È il suo recente libro che, già nel titolo, dimostra da che parte Gardini sta: «Viva il latino – Storie e bellezza di una lingua inutile», Garzanti 2016, pp. 237. E viene da immaginare un corteo di manifestanti, che innalzi cartelli e gridi quello slogan per una scuola che punti sulla vitale e “lunga durata” di una lingua, definita morta solo nella vulgata popolare. Gardini smonta il facile congegno di quella banale frase fatta, che nasce dalla pervicace convinzione che le lingue vive siano quelle fondate sull’oralità, sul commercio verbale tra parlanti. «Il latino è vivo – sostiene Gardini –, ed è più vivo di ciò che diciamo all’amico al bar o alla fidanzata mediante il cellulare – comunicazione di cui non resta alcuna traccia», perché «non basta che il parlante sia vivo perché si possa dire viva la sua lingua. Viva è la lingua che dura e che produce altra lingua, che è appunto il caso del latino».

 

Gardini non si riferisce tanto alle lingue romanze, nate dal latino parlato, quanto al latino che, «“in quanto letteratura” ha stimolato la creazione di altra letteratura». È stato infatti il latino letterario a creare la “tradizione” letteraria (non solo italiana), sicché «Dante non avrebbe mai composto la “Commedia” senza il precedente dell’“Eneide”; né Machiavelli “I discorsi sopra la prima deca di Tito Livio” senza quello della storia di Livio; né Castiglione “Il libro del cortegiano” se non avesse assunto a paradigma il “De oratore” di Cicerone». E, senza Seneca, ci sarebbero stati gli «Essais» di Montaigne e le tragedie di Shakespeare?

 

Gardini racconta con passione contagiosa la storia della lingua latina attraverso l’analisi delle forme, sempre diverse e sempre originali, che essa ha assunto nelle opere dei poeti e degli scrittori più significativi, da Ennio ad Agostino. Mentre, obbligati a vivere in un infinito presente, rischiamo la cancellazione della memoria, della cognizione del nostro passato, della nostra identità, «Viva il latino» si erge come solido antemurale contro gli attacchi che questo nostro tempo di esplosione tecnologica, in combutta coi poteri economici e politici, sferra senza posa alla funzione educativa degli studi umanistici. Che, da qualche tempo, hanno anche ‘nemici interni’, che hanno abiurato alla convinzione che «attraverso lo studio amoroso dell’antichità, il presente scopr[a] la sua stessa storicità e tent[i] di istituzionalizzarsi come resistenza alle forze disgregatrici del tempo mediante un perfezionamento morale e linguistico dell’individuo».

 

Non è allora senza significato che Gardini, nel primo capitolo, intitolato “Una casa”, scriva che il suo libro «si rivolge prima di tutto ai giovani delle scuole, ragazze e ragazzi, i quali più di chiunque cercano di trovare un senso in quello che fanno e vedono». Ma anche le persone adulte di buon senso (quello che, secondo Manzoni, «se ne sta nascosto per paura del senso comune» – erano pochi ad avere buon senso e a restare immuni dall’isteria collettiva che addossava agli “untori” la responsabilità della peste) troveranno assai utili quelle pagine per scoprire o riscoprire la “bellezza di una lingua inutile”.

 

Varia, con preghiera di diffusione tra i Soci

 

Cari Presidenti,

 

vi scrivo per darvi una serie di comunicazioni:

 

Continua la lettura.

Ripristinate le prove scritte agli Esami di Stato

 

L'AICC saluta con soddisfazione la notizia che il Ministero dell'Istruzione ha deciso di ripristinare, per il prossimo a.s. 2021/22, le prove scritte negli Esami di Stato conclusivi del quinquennio delle scuole superiore: così risulta nella "Ordinanza sul calendario delle festività e degli esami per l'anno scolastico 2021/22" pubblicata oggi sul sito ministeriale (a questo link un articolo di stampa sulla questione: Maturità 2022, tornano gli scritti. Partenza tardiva il 22 giugno. Tutte le festività regione per regione - Corriere.it). Ciò avviene dopo settimane in cui si rincorrevano varie dichiarazioni pubbliche da parte del Ministro competente sull'intenzione o la possibilità che l'attuale formula d'esame senza prove scritte, attuata lo scorso anno solo per l'emergenza Covid e rinnovata quest'anno pur in presenza di una situazione migliore, fosse mantenuta in vigore anche per il futuro.

 

Ci piace pensare che questo cambio di rotta (o, meglio, questo ritorno alla buona rotta precedente) sia stato favorito anche dalla petizione dapprima pubblicata dalla prof.ssa Ilaria Razzini, e poi promossa dalla Delegazione AICC di Pavia e a sua volta diffusa, rilanciata e sostenuta dalla AICC nazionale e dalle Delegazioni locali.

Ai Presidenti, con preghiera di diffusione tra i Soci

 

Cari Presidenti,

 

Vi invio un articolo apparso sul Foglio del 17 luglio segnalatomi dal Prof. Presutti, Presidente della Delegazione di Pescara sulla "cancel culture", che comincia a diventare qualcosa di preoccupante e su cui dobbiamo vigilare tutti.

 

Cari saluti

Mario Capasso

Consulta l'articolo.

Ai Presidenti, con preghiera di diffusione tra i Soci

 

Cari Presidenti,


mi permetto di inviarvi un articolo di Franca Giansoldati apparso sul Messaggero del 10 luglio u.s. L'articolo trae spunto dalla così detta "cancel culture", la follia dissacratoria che si sta particolarmente diffondendo negli Stati Uniti e in Europa e che colpisce la nostra amata cultura classica. L'articolo si sofferma sulle Eumenidi di Eschilo, rappresentate quest'anno a Siracusa. Esso contiene interessanti considerazioni: per questo ho il piacere di diffonderlo tra i nostri Soci.

 

Molti cari saluti

Mario Capasso

 

Leggi l'articolo

Catalogo delle pubblicazioni della Lorenzo Valla

 

Consulta la notizia

In primo piano

Appuntamenti

• 25.06.2021 - online
Lectio Magistralis di S. Tafaro

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Associazione Italiana di Cultura Classica, Centro di Studi Papirologici dell'Università del Salento. Complesso Studium 2000, Edificio 5, via di Valesio, 73100 Lecce - Italia - Codice fiscale: 95018950634